Archivi tag: parole

Il solito Incrocio-oppure-Corri Ancora-oppure-Capitolo Sei

7e87830afef82802322d5249769d26d9-d369jdb

Prosegue da:
Capitolo Uno
Capitolo Due
Capitolo Tre
Capitolo Quattro
Capitolo Cinque

2013 – Notte fonda a Roma Sud

Eccoli che percorrono gli ultimi cento metri prima che la notte finalmente li divida.
Fanno più schifo del solito, ma bisogna concederglielo, d’altronde sono in giro in bicicletta da questa mattina. Sono stremati ma, come sempre, se ne fregano alla grande.
A breve uno di loro proseguirà dritto, l’altra girerà a sinistra. Nel farlo si volteranno a guardarsi e si sorrideranno senza dire una parola. È così che funziona tra loro: è negandosi i banali gesti d’affetto socialmente ritualizzati che riescono a godere a pieno dei rari attimi di intimità che si concedono. Un gioco sadico fatto di attese infinite e privazioni continue.
Arrivati a questo punto nella testa di Marc succede sempre la stessa cosa.

— Ti prego, fa che si fermi e che mi dica di non volersene andare. Mi basta uno sguardo che si attardi anche solo un secondo di troppo, un cenno, una parola. Mi va bene anche che continui a pedalarmi accanto senza dire niente, mi andrebbe bene anche poter continuare a guardare soltanto la sua ombra  proiettata sull’asfalto come se vittima della stessa maledizione di Orfeo.
Quando sarà la prossima volta? Cristo iddìo non far passare un’altra notte. Regalami solo un secondo, lasciati respirare il tempo minimo per non farmi impazzire.

Marc non era bravo con le attese, ma questo scontro di forze in cui lei lo costringeva era contemporaneamente la sua più grande sofferenza e la sua più grande gioia.
Tanto più lei si sottraeva, tanto più cresceva la smania di lui. Non era mai riuscito a sentirsi così vivo.
La voleva così come gli assetati desiderano l’acqua, ma non poteva allungare la mano e prenderla, queste erano le regole, pena la fine del gioco.
E allora Marc aspettava, tendeva ogni fibra del suo corpo nel disperato intento di cogliere nelle vibrazioni di Lenore il momento giusto per avvicinarla. Il loro era un ballo estremamente sofisticato dove il minimo errore poteva distruggere irreparabilmente gli equilibri e costringerli a ricominciare da capo. La comunicazione continua tra i loro corpi era invisibile a chiunque altro e di una complessità inaccessibile anche al più erudito dei semiologi.

Quella notte però non furono necessari semiologi. Quando Marc si voltò convinto di trovare il sorriso di Lenore che si allontanava si trovò di fronte il più chiaro dei segni: Lenore era ferma sullo spartitraffico al centro dell’incrocio e lo guardava.

Continua nel Capitolo Sette

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Pericolo caduta massi

Il passaggio dai venti ai trent’anni non avviene in maniera graduale.

Un po’ come un masso che si stacca dalla vetta e comincia a precipitare dritto su di noi.
La sua velocità di caduta aumenta per l’accellerazione di gravità in maniera graduale, ma il passaggio tra una testa intera e funzionante a un ammasso molliccio e confuso di sangue, ossa e materia grigia, ha ben poco di graduale.
Un attimo prima era lì, l’attimo dopo è ancora lì, ma in stato e forma del tutto inaspettate.
Ecco un diverso e simpatico campo di applicazione del « Niente si crea, niente si distrugge, tutto si trasforma »
Che poi se sia un male o un bene io ancora non l’ho capito.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Mordersi la coda da soli

Ho smesso di scrivere perché ho smesso di pensare.

Contrassegnato da tag , , , ,

Debolezze della teoria della specializzazione

« L’artista militante è un artista disinnescato: non essendo costui in grado di fronteggiare il tutto si fa vessillo ufficiale di una parte.
Ma l’artista autentico è sempre un dissidente, da se stesso coscritto. »

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Illuminazione

Non si può scrivere di ciò che è unico.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Il maratoneta.

Se quello che cerchi non è qui, sicuramente sarà altrove,  e se non è neanche lì, non ti resta che crearlo con le tue mani.
 Non c’è nulla di inaccessibile e niente di inarrivabile, ci sono solo gambe non abbastanza forti e volontà non sufficientemente decise.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Incomunicabile / due.

È dall’impedimento che nasce l’ingegno.
È di fronte l’impossibilità che si attiva la volontà.
E il non riuscire non è una sconfitta, ma un incentivo.
Incomunicabile. E allora?
Arte, dell’incomunicabile sei figlia. E come figlia è tuo compito mettere in discussione il padre.
E allora comunica, se riesci.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Incomunicabile / uno.

C’è qualcosa di assolutamente contorto in tutto questo.
Scriviamo in lingue diverse, strana pretesa voler comunicare.
E ancor di più mi sorprende l’insistenza delle missive.
Sintomo di desiderio di esser capiti e mai di capire.

È il destinatario, che è causa e fine, a render vano ogni tentativo.
Non c’è speranza, senza possibilità.
Non leggerai. E se leggerai, non capirai.

Non capirai.

Eppure eccole qua, pagine e pagine, che hanno un volto e un nome, il mio, inconciliabilmente distante dal tuo.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Philip Glass – Metamorphosis

Più delle parole, più delle persone;                                                                                          
Musica.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Un uomo è quanto basta.

Bisogno di manifestarsi, bisogno di essere. Difficoltà di distinzione tra essere e diventare. Volere in contrasto netto con il lasciar accadere. Reazioni incoerenti e irrazionali, ma se questo è un uomo, che sia pure.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Una parola alla volta.

Le parole fanno confusione. Più sono le parole e più è grande la confusione.
Nella vita si dovrebbe stare zitti, al massimo si dovrebbe usare il proprio tempo per sorridere, piangere e guardarsi.
Niente di più.

Contrassegnato da tag , , , , ,